Cose raccontate da altri

Il sindaco desaparecido

Il sindaco desaparecidoLa mia amica Francesca mi invia il comunicato su questa presentazione. Ricevo e pubblico, anche per due o tre motivi personali: perchè proviene, appunto da un’amica, perchè un’altra cara amica (Rossella Milone, del cui libro si parlerà ampiamente a brevissimo qui) partecipa alla presentazione e perchè l’autore, Massimiliano Amato, è uno dei curatori de La città difficile, di cui forse saprete già qualcosa.

In occasione della Festa dell’Unità che si terrà a Napoli presso la Mostra d’Oltremare, dal 21 al 26 Settembre, Venerdì 22 alle ore 17,00 per il tema: Un libro per riflettere e discutere, sarà presentato il libro di Massimiliano Amato Il Sindaco Desaparecido – Battipaglia 1953: la scomparsa di Lorenzo Rago. Ombre di Mafia e depistaggi. Un mistero italiano”.
Ne discutono con l’autore: Gianni Cerchia, Abdon Alinovi, Rossella Milone.
Modera: Ottavio Lucarelli.

Vedi anche:

Festa Del Racconto

Logo Festa del RaccontoSempre in relazione al Premio Loria di cui sotto, quest’anno è stato inserito in una manifestazione più ampia, la Festa del Racconto, appunto, durante la quale ci saranno parecchi eventi in vari luoghi storici della città di Carpi ed alla quale parteciperanno un bel po’ di scrittori e affini (tra gli altri Roberto Alajmo, Alberto Bevilacqua, Davide Bregola, Claudio Carabba, Emilia Bersabea Cirillo, Antonella Del Giudice, Iaia Forte, Sarah Kaminski, William Lee, Lorenzo Licalzi, Simone Maretti, Antonio Pascale, Brunetto Salvarani, Marco Vichi).

Qui il programma dettagliato.

Vedi anche:

Giustizialismo lessicale

Aldo Buzzi, da “La lattuga di Boston“, Ponte alle Grazie 2000.

Disegno di Saul Steinberg«Come sta?» dissi.
«Ho preparato una proposta da sottoporre al ministro della giustizia per punire una categoria di persone che mi dà fastidio in modo particolare».
«Per esempio?» dissi.
«Per esempio quelli che, dopo aver nominato New York, se devono nominarla un’altra volta, dicono la Grande Mela. Per questi la pena dovrebbe essere l’ergastolo».
«Accidenti!» dissi.
«Sì, ma non solo per questi. Anche per quelli che, dopo aver nominato il dollaro, se devono nominarlo una seconda volta, dicono il biglietto verde; o, se devono nominare l’oro una seconda volta, dicono il metallo giallo. E stessa pena per quelli che dopo il pallone, invece di ripetere il pallone dicono la sfera di cuoio» aggiunse. «E per quelli che prima dicono il papa – una paroletta breve che fa risparmiare tempo e fatica – e poi si buttano su Giovanni Paolo Secondo?»
«Ergastolo» dissi.
«Bravo. E per quelli che, dopo aver nominato Gelli, aggiungono sempre l’ex maestro venerabile della loggia P2?»
«L’ergastolo, come sopra» dissi.
«No, la fucilazione».
«Allora» dissi, Read more »

Vedi anche: