Tag: gay

Tre per uno

Una delle difficoltà del blogger neofita è quella di far seguire alle intenzioni la pratica. In soldoni, e in questo caso: scrivere qualcosa su tutti i film che vado a vedere. Ad oggi, ne ho accumulati tre in sospeso (Brokeback mountain, La terra e Il cacciatore di teste). Mi libero delle pendenze in questo post riassuntivo.

Brokeback mountainParto dall’ultimo visto: Brokeback mountain.
Sull’onda dell’apprezzamento quasi unanime di amici attendibili, vado a vederlo ed ingaggio una strenua lotta contro il sonno. L’ho trovato lungo, noioso, deprimente. Il nocciolo drammatico è uno tra i più classici: questa vita è una valle di lacrime, le vite dei più (e degli eroi di questo tipo di storie) sono all’insegna della sfiga senza riscatto. Puoi avere anche un momento di felicità, puoi toccarla e verificarne la possibilità, ma sarai condannato a starne sempre più lontano, schiacciato dal peso delle tue sconfitte, quando non definitamente azzerato da un evento tragico. Il fatto è che, in questo film uggioso, nuvoloso, grigiastro, neanche la rappresentazione del momento felice riesce a comunicare felicità. E’ come se la condanna alla depressione non lasciasse alcuno spazio di decompressione. In questo senso, il film è un po’ più originale, per così dire. Ma lo spettatore (o almeno io) di solito preferisce avere almeno un po’ di alternanza emozionale.
Il conto:
Spesi: 5 euro (di mercoledì) / Valore effettivo: 4 euro / Bilancio: – 1,00

La terraLa Terra invece non mi ha deluso. Trovo che Sergio Rubini sia un autentico talento “outsider” piuttosto sottovalutato. Questo ultimo film mi è piaciuto solo un po’ meno di L’amore ritorna, ma lo consiglio a tutti per rifarsi la bocca con colori sapori storie e prove d’attore che soddisfano i palati affamati di nutrimenti cinematografici non dietetici e non addizionati di sostanze pallogene.
Una piccola notazione sulla musica Read more »

Vedi anche: