Tag: Cose raccontate

Istruzioni per il trasloco

Valigia da picnicQuando si va a vivere da un’altra parte, bisogna organizzarsi per tempo, non lasciarsi prendere dai capogiri, essere scrupolosi ed ordinati. Fare un inventario delle cose da trasportare, fare un sopralluogo nel posto dove si è vissuto per anni come se ci si venisse per la prima volta, guardare gli oggetti che ti hanno accompagnato tutti i giorni con lo sguardo obliquo del decimatore, questo si questo no, oppure dello smistatore di profughi, questo di qua questo di là. Non lasciarsi commuovere dalle lacrime dei posacenere di onice, dai gemiti corali delle bomboniere tremolanti sul tavolinetto, dagli ammiccamenti maliziosi di un sottobicchiere con la tour Eiffel disegnata sopra. Disdire i contratti, salutare i vicini di casa, lasciare una mancia al portiere. E sincerarsi di avere collocato ogni verbo col complemento giusto, che non si scopra poi di aver lasciato mance ai vicini, salutato i contratti, disdetto il portiere. Accertarsi inoltre che il trasportatore abbia scritto bene l’indirizzo di prelievo e quello di destinazione, e nella sequenza giusta. Assicurarsi che le cose grandi passino dalle porte o dalle finestre, che magari nel frattempo le cose sono diventate ancora più grandi o le uscite si sono rimpicciolite, che ne puoi sapere. E verificare che le cose piccole siano ancora visibili ad occhio nudo. Acquistare a questo scopo una lente tonda con manico, modello Holmes, senza farsi rifilare dal negoziante né pipe né mantelline, sordi ad ogni lusinga commerciale, diritti per la propria strada. Procurarsi invece in abbondanza contenitori, scatole ed imballaggi acconci per tutte le esigenze ed eventualità.
Read more »

Vedi anche:

“La città difficile” alla FNAC di Napoli giovedì prossimo

La città difficileAncora una volta, sul libro di cui si parla qui.
Dopo la prima presentazione alla Feltrinelli di Napoli, e quella successiva del 24 Febbraio a Salerno con Diego De Silva ce ne sarà un’altra giovedi 9 Marzo alle 18 alla Fnac di Napoli in via Luca Giordano.
Parteciperanno, i soliti e preziosi Antonella Cilento e Massimiliano Amato, e Pietro Treccagnoli, giornalista de il Mattino.

Vedi anche:

(Auto)Pubblicità 2

Sempre per quanto riguarda il libro di cui si parla qui, vi segnalo che ci sarà un’altra presentazione il 24 Febbraio a Mondo Libri di Salerno (alle 19:30 in via Papio, Con Diego De Silva, Massimiliano Amato ed Antonella Cilento) ed un’altra ancora il 9 Marzo alle 18 alla Fnac di Napoli in via Luca Giordano.
Come vedete, ci si dà da fare (grazie, Antonella…) :-)

Vedi anche:

Giustizialismo lessicale

Aldo Buzzi, da “La lattuga di Boston“, Ponte alle Grazie 2000.

Disegno di Saul Steinberg«Come sta?» dissi.
«Ho preparato una proposta da sottoporre al ministro della giustizia per punire una categoria di persone che mi dà fastidio in modo particolare».
«Per esempio?» dissi.
«Per esempio quelli che, dopo aver nominato New York, se devono nominarla un’altra volta, dicono la Grande Mela. Per questi la pena dovrebbe essere l’ergastolo».
«Accidenti!» dissi.
«Sì, ma non solo per questi. Anche per quelli che, dopo aver nominato il dollaro, se devono nominarlo una seconda volta, dicono il biglietto verde; o, se devono nominare l’oro una seconda volta, dicono il metallo giallo. E stessa pena per quelli che dopo il pallone, invece di ripetere il pallone dicono la sfera di cuoio» aggiunse. «E per quelli che prima dicono il papa – una paroletta breve che fa risparmiare tempo e fatica – e poi si buttano su Giovanni Paolo Secondo?»
«Ergastolo» dissi.
«Bravo. E per quelli che, dopo aver nominato Gelli, aggiungono sempre l’ex maestro venerabile della loggia P2?»
«L’ergastolo, come sopra» dissi.
«No, la fucilazione».
«Allora» dissi, Read more »

Vedi anche:

Oggettività

Disegno di Saul SteinbergMi alzo dal water e tiro lo scarico. Lo sguardo cade sul portarotolo. La carta è finita, ed è rimasto soltanto il nudo torsolo di cartone grigio. C’è qualcosa stampato sopra, in grossi caratteri blu: “Non dimenticare la convenienza: ricomprami”.

Ora, che un rotolo esaurito di carta igienica mi si rivolga personalmente con un accorato appello, dandomi perfino del tu, è un’esperienza che non avevo mai vissuto. Read more »

Vedi anche:

(Auto)Pubblicità

La città difficileMercoledi 8 febbraio, alle 18, alla Libreria la Feltrinelli di Piazza dei Martiri a Napoli, sarà presentato il libro “La Città Difficile”.
Contiene venti racconti di giovani e meno giovani scrittori napoletani, tra i quali l’umile titolare di questo blog.
Saranno presenti, oltre naturalmente agli autori, i curatori (Massimiliano Amato ed Antonella Cilento) e Maurizio Braucci.
Se venite, vi offro un caffè.

 

Per maggiori informazioni:
Scheda su lafeltrinelli.it
Scheda completa su lalineascritta.it di Antonella Cilento

Vedi anche: